L’arte di viaggiare – Alain de Botton

alinUn po’ di nostalgia per un libro letto poco tempo fa. Nuovi stimoli per un viaggetto imminente.

Viaggiare è: spingersi lontano ma anche solo sognare la meta. E’anche sedersi sulla propria sedia consunta e iniziare a guardare percependo la meraviglia di ciò che ci circonda. Ci vuole un occhio in parte un po’ malinconico dall’altra molto entusiasta.
Ogni luogo che si lascia indietro ci appartiene in qualche modo. Ed è il fatto di trovare se stessi e “vivificarsi” (come scrive de Botton) che rende così bello muoversi e cercare.
Così, che sia una città affollata o una languida campagna isolata, in fondo non cambia. L’importante è lasciarsi trasportare, dai treni a volte, o dalla mente.

Come immortalare questi attimi indimenticabili? Una cartolina? Una fotografia? Un diario?
De Botton ci parla di qualche strategia riportando un’opinione autorevole: quella di John Ruskin, che considera l’atto (più che l’arte) di disegnare come fondamentale al fine di sviluppare i sensi e la percezione del mondo esterno. Dopo un’iniziale simpatia, si scaglia contro l’arte fotografica ritenendola un’alternativa alla vista consapevole e non un mezzo per arrivarci (e qui io non sono affatto d’accordo, amante della fotografia quale sono).
Ma ciò che conta è fare attenzione al mondo, per disegnarlo, descriverlo o fotografarlo, basta che si imprima dentro di noi.

Questo libro ha dato dei nomi alle mie scoperte, alla strada lungo la quale, sul fiume, cammino ogni giorno e non smetto mai di trovare qualcosa di nuovo e affascinante che mi colpisce. Vorrei avere il tempo per perdermi in ogni dettaglio. Ho consumato tutte le vetrine, le insegne e i cavi elettrici della via a forze di sondarli alla ricerca di un’espressione nuova.
Ha dato anche un nome alle mie sensazioni, quell’estasi temporanea che può darti un pasto a base di riso bollito e tonno in scatola sulla scalinata di Corniglia. E a tutte quelle che verranno, tra un viaggio e l’altro.

Annunci

2 pensieri su “L’arte di viaggiare – Alain de Botton

  1. Cristina ha detto:

    Blog veramente carino, è un piacere leggere queste cose!
    Quanto è bello viaggiare?? Mi aspetto un articolo lunghissimo al tuo ritorno dal tuo viaggio, corredato da fotografie mozzafiato. È vero, certe volte chi viaggia, vive e si muove solo per fotografare e poi mostrare agli altri, non vede quello che fotografa, ma il riflesso di quello che potrebbe vedere… e si perde inevitabilmente molte cose. Ma sono d’accordo con te, un occhio attento e un’anima ispirata possono fare molte cose con l’arte della fotografia.

    • elisewinrigby ha detto:

      Grazie mille Cri!
      Spero di riuscire a far concordare visione e pensiero, purtroppo per questo ci vuole tempo ed io ho bisogno di allenarmi 🙂 Cercherò di mantenere tutta l’attenzione possibile e allo stesso di lasciarmi cullare dalle strade.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...